Nella Compravendita Immobiliare, cosa accade se il Venditore non rispetta il termine di consegna dell’immobile?

Il contratto preliminare è l’accordo tra due parti con cui l’una si impegna a vendere e l’altra ad acquistare un bene, normalmente un immobile; la proprietà però si trasferisce solo con il contratto definitivo.

 

 

COSA SUCCEDE SE NON VENGONO RISPETTATI GLI ACCORDI DEL PRELIMINARE

 

Qualora il preliminare avente per oggetto la vendita di un immobile con contestuale versamento a titolo di caparra (confirmatoria) di una somma di denaro, non sia seguito entro i termini concordati dalla stipula del contratto definitivo, la parte adempiente può agire in causa per chiedere: la risoluzione del contratto per inadempimento (art. 1453 c.c.) con richiesta del risarcimento del danno; oppure l’esecuzione forzata del contratto (con l’emissione di una sentenza che produca gli effetti del contratto non concluso) (art. 2932 c.c.); oppure, risolvere il contratto e trattenere la caparra (art. 1385 c.c.).

 

Se invece inadempiente è la parte che l’ha ricevuta, l’altra può recedere dal contratto ed esigere il doppio della caparra.

Il legislatore ha predisposto forme di tutela nei confronti del compratore. Dal punto di vista giurisprudenziale è stato sostenuto che “la risoluzione del contratto di diritto per inosservanza del termine essenziale (art. 1457 c.c.) non preclude alla parte adempiente, nel caso in cui sia stata contrattualmente prevista una caparra confirmatoria, l’esercizio della facoltà di recesso ai sensi dell’art. 1385 c.c. per ottenere, invece del risarcimento del danno, la ritenzione della caparra o la restituzione del suo doppio, poiché dette domande hanno una minore ampiezza rispetto a quella di risoluzione e possono essere proposte anche nel caso in cui si sia verificata di diritto la risoluzione stessa; in tal caso, però, si può considerare legittimo il recesso solo quando l’inadempimento dell’altra parte non sia di scarsa importanza avuto riguardo all’interesse del recedente(Cass. n. 21838/2010; Cass. n. 23315/2007).

In conclusione a fronte del grave inadempimento di parte venditrice, l’acquirente adempiente non solo ha la facoltà di esercitare il diritto di recesso, ma anche il diritto di ottenere dalla controparte la restituzione del doppio della caparra versata (App. L’Aquila, 29 giugno 2015, n. 859).

 

 

Se hai bisogno di assistenza rivolgiti a Unioncasa Roma San Giovanni, i nostri

professionisti ti potranno assistere nella compravendita immobiliare.

Contattaci  tel. 3887962500    –  Email a unioncasaromasangiovanni@gmail.com